Trekking itinerario 7 
(30/04/2000)
Via Ferrata Albino Michelli - Strobel
Punta Fiammes 2.252 mt.

di Cristian Voltarel
E-Mail: cristianv@alfa.it

Le pagine sono ottimizzate per una risoluzione di 800 x 600 .
Cliccando su alcune foto si puo' avere un' ingrandimento.

Il gruppo e' formato da 2 persone, rispettivamente da sinistra:
Teddy Buciol e Cristian Voltarel


Appena sopra l'Albergo  Fiammes 1.293mt

Via Ferrata M. Strobel - Punta Fiammes 2.252 mt.

Difficoltà: Difficile
Punto di Partenza: Albergo Fiammes ( Cortina )
Dislivello: 950 mt.
Ferrata: 600 mt. in arrampicata
Lunghezza: 6 km.
Tempo: 5 h 20 min.
Note: assolutamente assenza di vertigini

Dal parcheggio dell'albergo si attraversa la strada e si parte con il sentiero. Il dislivello ci costringe a riposarci spesso. Si sale quindi attraverso il ghiaione (foto 1) che si vede dalla strada fino ad arrivare alla tabella in bronzo infissa nella roccia ad indicare l'inizio della via. Circa 1 ora. Si prosegue lungo la parte destra (foto 2) quindi con buon dislivello per altri 20 minuti fino ad arrivare all'attacco della ferrata che si vede guardando la cima, infatti bisogna fare qualche metro in arrampicata senza corda metallica (foto 3). Si comincia quindi con arrampicata sempre assicurati con l' imbragatura a risalire la parte sud (foto 4) con passaggi non troppo difficili ma con dei bei vuoti sotto. Qualche tratto in parete quasi verticale (foto 5) e una scaletta di 8 metri (foto 6) per aiutare l'arrampicata. Fa un certo effetto fermarsi in ferrata a guardare giù tanto da vedere gli aerei di un piccolo aeroporto volare più bassi di noi... Si arriva quindi quasi con 600 mt di ferrata alla Punta Fiammes 2.252 mt. (foto 7). Circa 2 ore di ferrata. Da qua il panorama è ovviamente stupendo, Cortina a valle (foto 8)  e tutt'intorno  Le Tofane, il Col Rosà e il Cristallo. Ci Fermiamo una mezz'oretta e quindi ripartiamo per attraversare la Forcella del Pomagagnon dal lato nord. Purtroppo siamo colti dalla neve rimasta ghiacciata che non ci permette di vedere il sentiero così seguiamo un pò a casaccio per raggiungere la forcella. Questo tratto ci mette abbastanza in difficoltà, per l'altezza della neve che in alcuni punti arriva quasi al bacino e non ci permette di camminare. Comunque dopo più di mezz'ora riusciamo ad'arrivare alla forcella. Da qui si scende attraverso il ghiaione con gran facilità (foto 9) fino ad'arrivare al bivio che prosegue per la Terza Cengia ( foto 11 - 20 min). Da qua per un' oretta si prosegue per il ghiaione cercando di seguire il sentiero segnalato solamente con delle pietre (foto 10), fino ad arrivare al punto di partenza. Al ritorno in macchina prima di entrare a Cortina un secondo di meditazione parcheggiati a vedere la Via appena fatta... (foto 12).


2 - sentiero che porta all'attacco della via

3 - arrampicata prima della corda metallica

4 - prima parte della via ferrata 

5 - uno dei pezzi più difficili, quasi verticale

6 - scaletta di 8 mt.

7 - in vetta alla 
Punta Fiammes

8 - panorama dalla vetta

9 - ritorno attraverso il ghiaione dopo la forcella

10 - per indicare il sentiero

11 - la Forcella del Pomagagnon

Home Page