Trekking - Itinerario 28
08/11/2004
Giro del Sassolungo
di
Cristian Voltarel e Lucio Marchesan
E-Mail: cristianv@alfa.it

Le pagine sono ottimizzate per una risoluzione di 800 x 600 .
Cliccando su
lle foto si puo' avere un' ingrandimento.

 
da sinistra Lucio e Cristian

 

Giro del Sassolungo

Difficoltà: Facile
Punto di Partenza: Passo Sella
Dislivello: 200 mt.
Tempo: circa 5h15min comprese le pause - 10+10min pause per mangiare perchè troppo freddo.
Note: Sentiero facile con bellissimo panorama in ogni direzione.

 

Il giro del Sassolungo è un percorso molto semplice tecnicamente, ma che ha il pregio di svelare continuamente paesaggi sempre diversi, panorami mozzafiato e vedute di largo respiro. Lo si capisce sin dall’inizio, quando, provenendo da Canazei e superata la Val d’Antermont, dopo aver costeggiato le gialle pareti del Sella, cominciano a contrapporsi ad esse, le linee della stupenda montagna.. Allorché il Passo Sella si va aprendo, la maestosità del Sassolungo si manifesta in tutta la sua interezza.
Rispetto alla settimana precedente, quando le temperature erano quasi primaverili, il clima si è fatto decisamente invernale, e alle 9.00 del mattino la temperatura è di –11 C° e, a folate,  il vento è veramente pungente.
Decidiamo di effettuare l’itinerario in senso orario.
Alle 9.20 transitiamo davanti al rif. Valentini, quindi, comodamente su strada sterrata, raggiungiamo il rif. Salei e il rif. Friedrich August. Adesso il sentiero traversa le morbide pieghe pascolive  che, come il drappeggio di un tessuto, vanno a morire in fondo alla Val Duron: verso est biancheggia il ghiacciaio della Marmolada, a sud, oltre la valle, s’impone il gruppo del Catinaccio e del Catinaccio d’Antermoia, mentre verso ovest svettano i Denti di Terrarossa.
Lasciato il rif. Pertini, bisogna superare qualche risalto roccioso, prima di raggiungere il rif. Sassopiatto, ubicato al Giogo di Fassa: non si può che rimanere rapiti dal panorama offerto dal vastissimo altopiano dell’Alpe di Siusi, che, disteso come come un plaid per una scampagnata di giganti, ci accompagnerà lungo tutto l’attraversamento del lato occidentale del gruppo del Sassolungo.
Dai 2300 mt del passo si scende ai 2100 mt del Piz Uridl e, quindi, ai 1960 mt circa nei pressi del Plan da Cunfin, per poi ricominciare a salire verso il canalone del Dantersasc posto proprio nel cuore del gruppo, tra il Sassolungo propriamente detto e il Sassopiatto, dove si trova il rif. Vicenza a quota 2253mt.
Continuiamo a rimontare le pendici nord-occidentali del Sassolungo fino al Piz Ciaulonch, 2114 mt, da dove, verso est, ci appare nuovamente il Sella illuminato dal sole, mentre a nord-est  le Odle e i Cir ci impressionano mentre digradano verso il Passo Gardena. Scattiamo un’ultima foto verso l’Alpe di Siusi e lo Scilliar che ne chiude la quinta, per poi tuffarci nella grande frana, sotto la parete nord, incuranti di un cartello che invita a non percorrere il sentiero perché cancellato dallo smottamento: così, senza perdere quota, traversiamo proprio sotto la parete settentrionale. Lungo il percorso passiamo vicini ad alcune rientranze nella roccia, adornate da suggestive stalattiti di ghiaccio, e, verso le ore 13.00 giungiamo al rif. Comici dove registriamo la temperatura massima di tutta la giornata: -6 C°!; approfittiamo subito del “momento afoso” per consumare il nostro pranzo. 
Ripresa la marcia quasi subito, c’incamminiamo attraverso i pascoli che tra circa un mese saranno invasi dagli sciatori, per poi addentrarci tra l’intrico di rocce denominato “Città dei sassi”: è un posto magico questa specie di labirinto, dove vien voglia di fermarsi, perché si ha l’impressione che ogni albero nasconda un folletto e ci si aspetta che, da un momento all’altro, da ogni buco , da ogni anfratto possa uscire un nano. Ne usciamo riluttanti. I pascoli del Passo Sella ci attendono aperti, solari: il Sella con la sua Locomotiva sembra un’onda che smorza il suo impeto, disfacendosi, quando arriva alla spiaggia.
Raggiungiamo l’auto alle 14.30 e… ci verrebbe voglia di ricominciare il giro.

 


Un Camoscio salendo al passo Sella

Il Cantinaccio d'Antermoia

L'Alpe di Siusi

Le Odle

Sulla frana

Tra le stalattiti

Verso il Rig. Vicenza

La Città dei Sassi

FOTO VARIE

 

Home Page