Trekking itinerario 2
Tour del SETSAS
Rif. Valparola ( 2.168 mt. )
Rif. Pralongia ( 2.109 mt. )
Rif. Valparola ( 2.168 mt. )

di Cristian Voltarel
E-Mail: cristianv@alfa.it

Le pagine sono ottimizzate per una risoluzione di 800 x 600 .
Cliccando su alcune foto si puo' avere un' ingrandimento.

Il gruppo e' formato da 3 persone, rispettivamente da sinistra:
Renzo Doretto, Lucio Marchesan (la guida), Cristian Voltarel



Siamo partiti il 12/10/99 alle ore 06:00 da Caorle(VE) per questa nuova escursione in localita' Passo Valparola, un altro itinerario scelto dalla nostra guida (Lucio). Dopo circa 2 ore e mezza di macchina arriviamo al Rifugio Valparola ( 2.168 mt.) dove parte il sentiero (N23). Una bella colazione, uno sguardo alla carta dei sentieri e via si parte. Ore 09:00.
La neve sciolta dalla nevicata precedente, ha creato un sentiero abbastanza fangoso tanto da sporcarci quasi fino al ginocchio; ma quello che e' peggio, e' che dopo qualche minuto di cammino il sentiero scende attraverso una parte in roccia e le scarpe infangate rendono la discesa un po' scivolosa tanto da doverci tenere agrappati a qualche sporgenza sulla roccia.
Renzo parte in quarta, sembra essere un vero esperto mentre io e Lucio proseguiamo con calma. Fortunatamente e' una bella giornata, la temperatura e' intorno i 14 C e non tira un filo di vento. Il sentiero dopo qualche chilometro, abbandona il fango e ci presenta un misto di terra e sassi. (quota 2.031 mt) Renzo e' un vero osservatore, riesce a scovare persino delle Stelle Alpine oltre a delle orme di escursionisti passati da appena 15 minuti; e' un valoroso compagno ha sempre la risposta giusta.
Proseguiamo avanti, lasciamo il verde e ci immergiamo nella roccia. Alcuni passaggi sono veramente favolosi tanto da meritare una foto. Il dislivello e' lieve intorno ai 200mt in salita.
Qualche chilometro ancora e si arriva al bivio con il sentiero N24, la nostra strada di ritorno; qua siamo a quota 2.158 mt, verso il Rifugio Pralongia ( 2.109 mt ) il sentiero torna a coprirsi di fango. Un occhio particolare ai segnavia che data la vastita' di questa prateria e' facile perdersi.
Ore 12:30 circa, siamo davanti al Rifugio e ci fermiamo una mezz'oretta per pranzare, qualche foto, uno sguardo al panorama e via si riparte. Quindi torniamo al bivio e prendiamo il sentiero N24 con un dislivello di circa 150 mt in salita, girando attorno al SETSAS.
Ancora uno spettacolo incantevole, verso il confine con l'Austria, anche qua una piccola sosta e qualche foto ( quota 2.300 ).
Qualche centinaia di metri e poi un bel dislivello di circa 150 mt in discesa, per poi risalire ancora di circa 100 mt. Alcuni bei passaggi scavati tra la roccia.
Qualche chilometro ancora e si scoprono fortini e trincee della 1 Guerra Mondiale. Anche qua l'occhio attento di Renzo riesce a trovare schegge di bombe. Ore 14:30. Da qui ancora un'oretta scarsa e si ritorna al Rifugio Valparola.



Home Page